venerdì 15 giugno 2012

scatica o sciatalgia cos'è -che terapie seguire.

SCIATALGIA



La sciatalgia o sciatica è una sensazione di intenso dolore alla gamba causata dall'irritazione del nervo ischiatico.
Generalmente, il dolore viaggia dalla parte posteriore della coscia fino al retro dello stinco e può estendersi anche verso l'alto, fino all' anca oppure giù fino al piede. Oltre a dolore, ci può essere sensazione di torpore e la difficoltà nel muovere o controllare la gamba. Di solito, la sintomatologia dolorosa è percepita da un solo lato del corpo.
Benché la sciatica sia una forma relativamente comune di dolore in basso alla schiena e di dolore monolaterale alle gambe, il significato vero del termine è spesso frainteso. Il termine sciatica definisce un insieme di sintomi piuttosto che una vera e propria diagnosi sulla vera natura dell'agente che irrita la radice del nervo, causando il dolore. Questo punto è importante, perché il trattamento per sciatica o per le sindromi sciatiche sarà spesso diverso, in funzione dalla causa sottostante dei sintomi.

CAUSE DELLA SCIATICA

La sciatica è generalmente causata dalla compressione di una radice di un nervo spinale lombare, e, di gran lunga meno comunemente, per la compressione del nervo sciatico propriamente detto. La "vera" sciatica, quindi, è causata dalla compressione (alla radice nervo) quando essa si presenta come una radiculopatia (oppure come una radicolite quando l'affezione accompagnata da una risposta infiammatoria) lombare, oppure da una ernia spinale, ( che si ha quando un disco intervertebrale fuoriuscendo dalla sua sede nella colonna vertebrale và a comprimere una radice nervosa), in questo modo rende "ruvidi" i movimenti oppure amplia e/o disalinea le vertebre (affezione nota come spondilolistesi), o causa degenerazione dei dischi intervertebrali.

La sciatalgia può anche esperimentarsi durante la gravidanza avanzata, primariamente come risultato della compressione esercitata dall' utero sul nervo sciatico, e secondariamente, per la tensione muscolare e/o la compressione vertebrale consequente al dover costantemente sopportare il peso extra costituito dal feto, oltre alla postura propria della gravidanza avanzata.

La "pseudo-sciatica", che causa a sintomi simili alla compressione della radice dei nervi spinali, è causato dalla compressione di sezioni periferiche del nervo, di solito per tensioni tessutali esercitate dal muscolo piriforme o altri muscoli correlati. Una possibile causa di questo è la sindrome del piriforme (PMID 17030664). In questa condizione, il muscolo piriforme, che si trova sotto i muscoli glutei, si contrae spasmodicamente e soffoca il nervo sciatico sottostante al muscolo. Un'altra causa di sintomi sciatici è disfunzione del giunto sacro-iliaco. Abitudini posturali malsane, come lo stare troppo tempo seduti in sedie rigide, oppure il dormire nella posizione fetale, unito al fatto di "stirare i muscoli" (stretching) insufficientemente ed al poco esercizio di rilevanti aree mio-fasciali, possono condurre a problemi sia vertebrali che del tessuto molle che spesso si associano alla sciatica.
Un'altra fonte di sintomi sciatici è l'attivazione di punti di scatto attivi della parte inferiore della schiena e dei muscoli gluteui. In questo caso, il dolore riferito non è infatti, conseguente alla compressione del nervo sciatico, anche se la distribuzione del dolore per le natiche e per la gamba è simile. I punti di scatto (trigger points) si attivano quando i muscoli vanno incontro a ischemia (basso afflusso di sangue) per lesioni (stiramenti) o per la contrazione muscolare cronica. I muscoli associati più comunemente con i punti di scatto che innescano sintomi sciatici sono: il quadrato dei lombi, il gluteo medio, il gluteo minimo e il rotatore profondo dell'anca.

L'ERNIA DI UN DISCO INTERVERTEBRALE E' CAUSA DI CIRCA IL 15% DELLE SCIATICHE

Causa di circa il 15% dei casi di sciatica (secondo la MRI) è l'ernia del disco spinale, che preme sul nervo sciatico. I dischi intervertebrali sono composti di una cartilagine spongiforme con un centro liquido. I dischi separano le vertebre, e dunque permettono l'esistenza di uno spazio che consente al nervo sciatico di uscire correttamente attraverso la parte sacrale del bacino in direzione nella gamba. I dischi agiscono da ammortizzatore per le forze compressive subite dalla colonna, ma sono dei punti deboli che soffrono per la pressione applicata durante movimenti rotazionali. Questa è la ragione che spiega perché una persona che si piega da un lato, con un angolo sfavorevole, per raccogliere un foglio di carta può più probabilmente avere un ernia discale rispetto ad una persona che cade da una scala e che atterra sul sedere. La compressione del nervo sciatico da un disco erniato si verifica quando il centro liquido del disco protrude esternamente, strappando l'anello esterno fibroso ed infiammandosi con un gonfiore esagerato sulla radice del nervo, causando così la sciatalgia.

DIAGNOSI

Dal momento che esistono molteplici condizioni che possono comprimere le radici nervose e causare la sciatica, spesso le opzioni di trattamento da paziente a paziente sono diverse. Il trattamento della causa sottostante alla compressione è spesso la cura più efficace. Quando la causa è dovuta ad un ernia del disco lombare oppure ad una protrusione, l'esperienza clinica internazionale ha mostrato che, con trattamento di supporto per ridurre il dolore, il 90% dei prolassi discali si recupereranno senza alcun intervento specifico. La genetica sembra avere qualche influenza nel determinare il rischio di sviluppare l'ernia del disco.
I metodi di "imaging" come la neurografia NMR, può aiutare nella diagnosi e nel trattamento della sciatica. La neurografia NMR ha mostrato la capacità di fare diagnosi nel 95% dei pazienti con sciatalgia severa, Mentre soltanto il 15% degli affetti da sciaticalgia, nella popolazione in generale vengono diagnosticati come aventi problemi legati ai dischi intervertebrali.

TERAPIA

Molti casi di sciatica possono essere efficacemente trattati da una o dalla combinazione dei seguenti:
Fisioterapia ed esercizi, che generalmente sono fatti meglio in una maniera controllata e progressiva e che possono includere alcune combinazioni di stretching (stiramento), rafforzamento e miglioramento delle condizioni cardio-vascolari
Massaggio, come mezzo per far rilassare e "slegare" i muscoli, decomprimendo il nervo
Appropriati cambi nelle abitudini, nell'ergonomia e nell'ambiente di lavoro (ad esempio cuscini, adeguata altezza della sedia e del tavolo di lavoro, posizioni assunte nel sonno).
Farmaci antinfiammatori (ad esempio FANS oppure cortisonici orali),
Farmaci antidolorifici (ad esempio acetaminofene)
L'iniezione di cortisonici per via epidurale per somministrare localmente agenti anti-infiammatori (e spesso anche antidolorifici) direttamente all'area generante il dolore e la contrazione riflessa
Medicina alternativa alcuni trattamenti come la manipolazione chiropratica possono essere molto efficaci se esercitate da personale esperto e sapiente oppure la manipolazione osteopatica.

Nessun commento:

Posta un commento